Orario di apertura: Lunedì - Venerdì: ore 7,30 - 12,30 e 17,00 - 18,30 / Sabato: ore 8,00 - 10,00
Prelievi: Lunedì - Venerdì: ore 7,30 - 9,30 / Sabato: ore 8,00 - 9,00

Contatti: 080 - 5211950

Diagnosi Precoce Alzheimer

La demenza senile è una malattia incurabile che colpisce più di un milione di persone in Italia e più di 44 milioni in tutto il mondo. La graduale dimenticanza di cose e persone, la perdita di attenzione, cambiamenti di umore e riduzione delle capacità comunicative anche verbali, e molti altri sintomi, rendono il morbo di Alzheimer una malattia non facile da gestire per il paziente, ma anche per i suoi parenti e amici, per le persone con cui vive.
Per questo riteniamo che una diagnosi repentina sia fondamentale per riconoscere il morbo e attivare delle cure di mantenimento. Se è vero che attualmente non esistono trattamenti per fermare e curare il morbo di Alzheimer, vi sono farmaci che possono curare i sintomi della demenza.

Presso il Laboratorio di Analisi Chimico Cliniche Biallo a Bari è possibile sottoporsi al test C4D, un innovativo e semplice test per identificare precocemente quei soggetti in cui un disturbo del metabolismo del rame può contribuire a scatenare disturbi di memoria, ma che, se individuato precocemente, può essere tenuto sotto controllo, riducendo il rischio di ammalarsi.
L’anomalia del metabolismo del rame favorisce I’insorgenza di disturbi cognitivi, quali la demenza, a causa dell’alterazione dei livelli di una particolare frazione tossica di rame nel sangue, detto rame Non-Ceruloplasminico, derivanti da un difetto dell’eliminazione del rame dall’organismo, che ha effetti tossici sulla salute. Questa porzione di rame nel sangue è legata a micronutrienti, e in questa forma raggiunge i tessuti, compreso il cervello, ed essendo molto reattiva, genera stress ossidativo e danneggia le cellule nervose accelerando i processi di neurodegenerazione. In particolare, numerosi studi di tipo clinico, epidemiologico, sperimentale, di meta-analisi e genetici pubblicati su riviste scientifiche internazionali dimostrano che più alti livelli di rame Non-Ceruloplasminico correlano con la severità e la progressione della perdita delle facoltà cognitive e che questo disturbo è considerato uno dei fattori di rischio per I’insorgenza della malattia di Alzheimer.

Brain loss and losing memory and intelligence due to neurological trauma and head injury or alzheimers disease  caused by aging with gears and cogs in the shape of a human face showing cognitive loss and thinking function.

Come effettuare il test C4D? Per effettuare il test C4D è sufficiente sottoporsi a prelievo ematico a digiuno presso il nostro laboratorio.
L’analizi rivelerà la concentrazione del rame Non-Ceruloplasminico in circolo. Se questo valore rientra negli intervalli di riferimento dei valori normali della popolazione, il test sarà negativo, il che indica che il soggetto non è affetto dal disturbo metabolico del rame, ma deve comunque rivolgersi ad uno specialista per una lettura approfondita del risultato e verificare altre cause alla base dei disturbi di memoria riferiti. Se il valore è al di fuori dell’intervallo di normalità, iltest C4D è positivo e il soggetto potrà rivolgersi allo specialista per avvalersi degli interventi mirati a ripristinare il normale metabolismo.